Le mostre

LE RADICI DELLA PARTECIPAZIONE: FIRENZE E IL SUO TERRITORIO

LE RADICI DELLA PARTECIPAZIONE: FIRENZE E IL SUO TERRITORIO

DAI COMITATI DI QUARTIERE AI CONSIGLI DI QUARTIERE: 1966/1976
a cura di Moreno Biagioni, Isanna Generali e Franco Quercioli
Firenze, Sala Vetrata delle Murate, Piazza Madonna della Neve - 24 novembre/14 dicembre 2006

La mostra promossa dal Comune di Firenze, Assessorato alla partecipazione, si articola in tre parti:
1. Una storia che viene da lontano. Dai primi del ‘900 agli anni ‘60. 
2. Dai Comitati di Quartiere ai Consigli di Quartiere 1966 – 1976 
3. Una storia che va lontano. L’arcobaleno degli anni 2000.
Visualizza la mostra


 

LA CGIL SCUOLA

LA CGIL SCUOLA

FIRENZE 1966 – 1976
a cura di Giuliana Quercini e Franco Quercioli

La mostra, racconta la storia collettiva dei dieci anni della costruzione di un sindacato. Anni in cui la CGIL è stata la scuola di formazione sociale, culturale e politica di una generazione.
Si conclude con un flash sulla  Federazione dei Lavoratori della Conoscenza, la  FLC CGIL, che di quel sindacato è la continuazione.
La mostra, realizzata nel 2007, si compone di 4 pannelli doppi 200 x100.
Visualizza il video CGIL Scuola
Visualizza la mostra


 

GINO BARTALI. UNA STORIA NELLA STORIA

GINO BARTALI. UNA STORIA NELLA STORIA

A cura di Franco Quercioli
Palazzo Medici Riccardi, Firenze, 2013

La mostra racconta la vicenda di Gino Bartali uomo e campione, nel contesto della storia civile dell’Italia del novecento.
La mostra è composta da 8 pannelli doppi in pvc, spessore 8 mm, di cm 100x200, autoreggenti (si aprono a libro).
La mostra, di proprietà dell’Archivio del Movimento di Quartiere, è stata realizzata con il patrocinio e la collaborazione di Regione Toscana, Provincia di Firenze, Comune di Firenze, Comune di Lastra a Signa.
Visualizza la mostra


 

LE FOTO DELLA NOSTRA VITA. Il Quartiere 4 fotografa sé stesso

LE FOTO DELLA NOSTRA VITA. Il Quartiere 4 fotografa sé stesso

A cura diLeonardo Brunetti

La storia di questo quartiere, come la storia di tante città, di tanti paesi è una storia di persone che nello stare insieme danno forma a quella che solitamente viene chiamata comunità. La nostra cooperativa affonda le sue radici, la sua storia, i suoi valori e infine la sua appartenenza proprio in questa idea di territorio, di comunità. Partecipare ai festeggiamenti dei sessant'anni di questo quartiere è per noi motivo di orgoglio. Viviamo in un'epoca in cui la cultura dominante è quella individuale, dove ognuno di noi è chiamato a risolvere e vivere in solitudine le cose belle e brutte che la vita ci mette di fronte. Noi pensiamo invece che "stare insieme" sia un modo di vivere la nostra vita più rispondente alla natura, un modo con cui cercare anche quegli elementi basilari che ci possono rendere più felici e meno soli. Questa è per noi la cooperazione, questo è il modo per portare il nostro contributo sociale ed economico nella vita di tutti i giorni in una comunità, in un quartiere che ha profonde radici storiche e culturali come il quartiere dell'Isolotto.
Visualizza la mostra

 

GLI AZZURRI DI ALFREDO. UN VIAGGIO CON ALFREDO MARTINI

GLI AZZURRI DI ALFREDO. UN VIAGGIO CON ALFREDO MARTINI

A cura di Franco Quercioli
Palazzo Medici Riccardi, Firenze, 2013

La mostra guida il pubblico in un percorso di storia sportiva e civile. Dal luglio 1960, l’anno della vittoria di Gastone Nencini al Tour de France, al settembre del 2013, l’anno degli azzurri di Paolo Bettini ai Mondiali di Firenze.
La mostra è composta da 8 pannelli doppi in pvc, spessore 8 mm, di cm 100x200, autoreggenti (si aprono a libro).
La mostra, di proprietà dell’Archivio del Movimento di Quartiere, è stata realizzata con il patrocinio e la collaborazione di Regione Toscana, Provincia di Firenze, Comune di Firenze, Comune di Lastra a Signa.
Visualizza la mostra


 

Utilizziamo cookie tecnici e di profilazione (anche di terze parti) per migliorare la tua esperienza su questo sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie; in alternativa, leggi l'Informativa Estesa e scopri come disabilitarli.